Menu

La storia

ROTARY CLUB CHIVASSO

Distretto 2030 R.I.

LA STORIA DEL NOSTRO CLUB

INDICE


RICORDARE PERCHE’?
Ricordare il proprio percorso associativo è:

  • prova di affetto e di stima verso gli uomini che non sono più con noi
  • dimostrazione di riconoscimento dei valori morali che li hanno animati, delle capacità progettuali e dell’abilità a realizzare.

Capacità di pensiero e, allo stesso tempo, cultura del fare sono la testimonianza del Loro insegnamento.

Ricordare il nostro pluridecennale cammino è:

  • occasione di ringraziamento per i Tanti che, negli anni, si sono spesi con i Loro interventi e la Loro generosità.
  • momento di riflessione sulle cose fatte e sulle opportunità non colte.
  • sintesi utile alla definizione dei programmi da sviluppare
  • attesa di futuro
  • stimolo alla creatività e al desiderio dei giovani rotariani di interpretare, secondo i tempi, necessità e sensibilità, i bisogni di una società in continua evoluzione e di un mondo speriamo tra non molto senza flagelli storici di fame e senza malattie.

Di cuore, un ringraziamento ai numerosi Rotariani che hanno dato vita, fino ad oggi, alle tante e stimolanti attività e ci hanno gratificato con l’apporto di pensiero e con la loro amicizia. L’affettuosa riconoscenza del Club agli Amici che, negli anni hanno servito come  Presidenti  di  questo attivissimo, generoso e impegnato gruppo di uomini.L’augurio al Club e al Rotaract di scrivere e riscrivere molte volte in futuro la storia della continuità del nostro percorso.

“This is a changing world and we must be prepared to changing with it.
The story of Rotary has to be written again and again.” (Paul Harris)



IL ROTARY CLUB DI CHIVASSO.


Il Rotary, in Italia e in Piemonte

Il Rotary, nato a Chicago nel 1905, giunge in Italia nel 1923, a Milano, dove si costituisce il primo Club.
Nel 1925 si fondano Clubs nelle principali città dell’Italia centrosettentrionale, a Napoli e a Palermo. In particolare in Piemonte nascono quelli storici di Torino e di Cuneo.


Sono note le difficoltà incontrate dal Distretto Italiano e quindi dai Clubs, espressione indiscussa della borghesia, ad operare nell’ambito del Rotary International, che propaganda la comprensione, la buona volontà e la pace fra Nazione e Nazione, tenendo conto dei ben diversi orientamenti politici del Regime.


Il Rotary Italiano viene sciolto nel 1938.


Nel dopoguerra le attività vengono riprese a cominciare dai nuclei storici: in Piemonte dai Rotary di Torino, Cuneo, Novara, Biella ed Alessandria.
Negli anni ’50, con la ricostruzione ben avviata del Paese, con la democrazia e la libertà sufficientemente stabilizzate, i valori rotariani nel promuovere relazioni amichevoli
tra i soci, nell’informare all’etica più rigorosa la prassi professionale,  nell’orientare la disponibilità dei singoli verso gli altri, nel diffondere ideali di intesa fra le Nazioni e la pace nel mondo, fanno
presa su molte persone, che rappresentano le professioni e sono affascinate dall’ideale del servire, al di sopra di ogni interesse personale e di ogni divisione religiosa, politica, razziale.

La Costituzione del Rotary Club di Chivasso

Sorgono nel ’50 il Club di Asti, nel ’54 di Novara, nel ’55 di Torino Dora, nel ’56 di Torino Est e Saluzzo nel ’57 il Rotary Club di Chivasso. Nel ’58 quelli di Torino Ovest e di Susa VaI Susa. Negli anni successivi vi è poi una progressiva moltiplicazione.
Il Rotary di Chivasso tiene la sua prima riunione in giugno e ottiene il Certificato di Costituzione dal Rotary International in agosto.

I soci Fondatori e i sentimenti che li animano

Sono soci “Fondatori” 26 rappresentanti delle attività sociali ed economiche del Territorio:
medici industriali, impresari, rappresentanti delle libere professioni.


Si  conoscono  alcuni già  condividono  il  dono dell’amicizia, hanno Tutti il desiderio di essere utili alla Comunità, di cui sono espressione, essendo consapevoli del patrimonio di conoscenze professionali che in gruppo possono esprimere e del credito di stima e di serietà che ciascuno si è guadagnato nel tempo.

Inoltre hanno idee e voglia di fare.

Oltre a Chivasso, il Territorio comprende altri 25 Comuni

L’avvio dei rapporti con St Jean de Maurienne Primo Club Contatto

La pace e lo sviluppo delle relazioni amichevoli tra i popoli sono tra i primi obbiettivi dei
“Fondatori”.
  Si avvia da subito, maggio 1958, un contatto con un Club Francese della Maurienne, St. Jean. Da allora gli incontri hanno cadenza annuale.
A St. Jean ci legano la gioia di un’amicizia consolidata in armonia di cuore e di spirito, la stessa
formazione intellettuale, le comuni radici culturali e storiche, i nostri ideali rotariani.

Il Rotary Club di Chivasso diventa Rotary Club di Torino Nord-Chivasso

Nel 1959, per ragioni di interesse rotariano, si chiede al Club, al quale viene ceduta dal
Rotary di Torino una striscia di territorio posta a nord dei fiumi Po e
Stura, di funzionare come Rotary Torino Nord. L’assemblea dei soci  accetta  la  richiesta,  proponendo  la denominazione di Torino Nord-Chivasso o in subordine la facoltà di mantenere sede conviviale e amministrativa nella propria Città.


Nel 1960 il Consiglio del Rotary International accetta la denominazione di Torino Nord-Chivasso e tale resta sino al 1966, data nella quale, con la cessione di altro territorio da parte di Torino Centro si dà vita al Rotary Club di Torino Nord e si ripristina territorio e nome originale del nostro Club.


Dal punto di vista rotariano Francesco Maletto presidente dell’anno, rileva che il periodo è stato benefico perché ha generato un nuovo Club e maturato il nostro.

Costituzione della Fondazione Rotariana Paul Harris di Chivasso

Il 1966 è importante soprattutto per la costituzione della Fondazione Rotariana “Paul
Harris”. Appare evidente ai soci la necessità di un organismo che, indipendentemente dalla rotazione dei Presidenti e dei Consigli Direttivi dei Clubs, possa essere strumento, con continuità di
gestione, per realizzare iniziative necessariamente di respiro nel tempo.

Anche l’organizzazione internazionale si è del resto dotata di una Fondazione come strumento operativo per attuare  le  sue  finalità  educative, umanitarie, internazionali.

lì Club decide così la costituzione di una sua Fondazione  che  verrà  denominata  “Fondazione
Rotariana Paul Harris” di Chivasso, per celebrare il sessantennio del Rotary International,  con scopi culturali,  storici, letterari,  archeologici,  artistici, benefici, educativi (premi e borse di studio), di umana solidarietà e di pubblica utilità.


Nel febbraio 1966 l’atto costitutivo viene reso pubblico con rogito notarile.

Nell’aprile 1969, dopo i previsti iter burocratici, la Fondazione viene eretta in Ente Morale con personalità giuridica e con tutte le facoltà di legge.

Acquisisce da parte di tutti i soci un fondo iniziale, che rappresenta un contributo adeguato alle necessità del previsto programma di azione.

Amministrata saggiamente, nel tempo aumenta il proprio capitale di dotazione, e continua a  ricevere fondi dai singoli soci, dal Club e talvolta da donazioni.

La gestiscono nei suoi 31 anni di vita 4 Presidenti: Alfonso Odifreddi, Franco Monti,
Silvano Maletto e Vincenzo Gribaldo (Presidente in carica).


Sono per statuto membri del Consiglio Direttivo della Fondazione tre soci, di cui uno di professione notarile insieme a tutti i Past-Presidents del Club.

Si rafforza la vocazione internazionale. Lisboa Norte – secondo Club Contatto

Nel 1969, continuando nello spirito di internazionalità del Rotary, i soci prendono contatto
e organizzano una visita a Lisbona. Si stabiliscono rapporti di liaison con il Club di Lisboa Norte.

Si decide di avviare la costituzione di un Club Rotaract

Nel 1976, il Club decide di dedicare le proprie speciali attenzioni rotariane ai giovani,
disegnando un progetto di costituzione di un Club Rotaract e così inizia l’operazione con il “Gruppo Giovani”. Nell’aprile 1980 il Gruppo si trasforma in Rotaract Club  di  Chivasso  con il  riconoscimento  della Organizzazione Internazionale.

Si consolida l’opportunità di far nascere un nuovo Club nell’area di Settimo Torinese

Sul finire degli anni ’80 una analisi dei problemi del Territorio, insieme alla crescita
numerica dei soci e alle indicazioni  del  Rotary International,  individua l’opportunità di creare un nuovo Club nell’area del Comune di Settimo Torinese, che ha avuto, negli anni, una
crescita impetuosa di popolazione e di attività industriali e che è terreno fertile di mobilitazione di ottime professionalità e di potenziali buoni Rotariani.

Nel 1990 il Club di Chivasso è padrino del neonato di Settimo del quale faranno parte, come nucleo storico, alcuni Rotariani del Club.

Nel 1994 il Settimo, ormai consolidato in termine di numero e di attività, dà vita al proprio Rotaract, al quale aderiranno, per ragioni di territorio e di simpatia, alcuni dei nostri giovani.


  IL CLUB E L’ORGANIZZAZIONE DISTRETTUALE

Il Club ha dato nel tempo in funzione di richiesta il proprio apporto di uomini alle Commissioni e alle Responsabilità Distrettuali.
Altrettanto attivo è stato il ruolo del Rotaract. Ricordiamo per Tutti e ringraziamo quelli, di noi, che hanno maggiormente servito ideali e organizzazione rotariana.

Vincenzo Gribaldo Governatore Distrettuale per l’anno 1980-1981
Giorgio Bellagarda  Responsabile della Commissione distrettuale APIM per alcuni anni.

Con continuità, si è contribuito a tutte le iniziative distrettuali a carattere locale, nazionale e internazionale.



I SOCI FONDATORI

Borgo Geom. Marino Consulenza (Edilizia)   
Bosio Comm. Giuseppe Meccanica (Costr. Mecc.)  
Capella Dott. Cav. Michele Medicina (Generale)  
Cena Dott. Silvio  Assistenza Sociale (Ospedali)  
Croce Dott. Comm. Alberto Chimica (Prod. Farm.)  
Delsedime Dott. Ing. Mario  Costruzioni (Imprese Costr.)  
Fluttero Prof. Giuseppe  Insegnamento (Storia Arte)  
Gribaldo Avv. Vincenzo  Avvocatura (Diritto Civile)  
Maffei Dott. Comm. Carlo  Comunicazioni (Telefonia)  
Maletto Dott. Francesco  Veterinaria (Generale)  
Manca Dott. Antonico  Ammin. Civile (Magistratura)  
Martini Dott. Mario  Medicina (Chirurgia)  
Meliga Cav. Gino  Abbigliamento (Confezioni)  
Menzio Dott. Prof. Paolo  Medicina (Otorinolaringoiatria)  
Micchiardi Dott. Ing. Giacomo  Elettricità (Esercizio)  
Nigra Comm. Mario  Edilizia (Laterizi)  
Odifreddi Dott. Alfonso  Chimica (Prod. Chimici Ind.)  
Pastore Cav. Uff. Rag. Arturo  Consulenza (Tributaria)  
Pulcher Dott. Prof. Claudio  Consulenza (Indagini Clin.)  
Rigazzi Cav. Rag. Ernesto  Assicurazioni 
Torchio Comm. Candido  Agricoltura (Colt. e Distr.)  
Utili Dott. Ing. Maurizio Automobili (Commercio)  
Vecchia Comm. Dott. Enrico  Assistenza Sociale (Sanit.)  
Viana Dott. Ing. Carlo  Industria (Gomma)  
Vivenza Cav. Ing. Carlo  Editori (Ind. Grafica)  
Wollenigh Dott. Virgilio Metallurgia (Fonderia)

 



PAST GOVERNOR
1980-81  – Vincenzo Gribaldo
2010-11  – Gianni Montalenti



I PRESIDENTI
 1957-58 – Enrico Vecchia
 1958-59 – Paolo Menzio

 1959-60 – Paolo Menzio

 1960-61 – Alfonso Odifreddi

 1961-62 – Alfonso Odifreddi

 1962-63 – Paolo Menzio

 1963-64 – Carlo Maffei

 1964-65 – Francesco Maletto

 1965-66 – Carlo Martino

 1966-67 – Francesco Maletto

 1967-68 – Carlo Viana

 1968-69 – Angelo Actis Dato

 1969-70 – Vincenzo Gribaldo

 1970-71 – Franco Monti

 1971-72 – Ubaldo Ciabatti

 1972-73 – Giuseppe Garelli

 1973-74 – Arturo Pastore

 1974-75 – Felice Gavosto

 1975-76 – Antonio Vercellone

 1976-77 – Silvano Maletto

 1977-78 – Giorgio Bellagarda

 1978-79 – Giovanni Chiavarino

 1979-80 – Carlo Manacorda

 1980-81 – Ugo Rostagno

 1981-82 – Giovanni Alicandri

 1982-83 – Riccardo Martini

 1983-84 – Felice Bosio

 1984-85 – Ludovico Giulio

 1985-86 – Silvano Maletto

 1986-87 – Ennio Denti

 1987-88 – Mario Gargano

 1988-89 – Giovanni Battista Giudici

 1989-90 – Mario Rocca

 1990-91 – Giuseppe Cernusco

 1991-92 – Marcello Croce

 1992-93 – Sergio Marocco

 1993-94 – Giuseppe Ellena

 1994-95 – Alberto Corbella

 1995-96 – Piero Maffei

 1996-97 – Giovanni Millo

 1997-98 – Camillo Vaj

 1998-99 – Michele Bellagarda

 1999-2000 – Gianni Montalenti

 2000-01 – Edoardo Ellena

 2001-02 – Gennaro Vivarelli
2002-03 – Pier Paolo Civalleri

2003-04 – Riccardo Barbero
 2004-05 – Guido Anfosso

 2005-06 – Silvia Favetta
 2006-07 – Emanuele Campanella
 2007-08 – Gianfranco Gardenghi
 2008-09 – Antonio Mezzacappa
 2009-10 – Vincenzo Borasi
2010-11 –
Loris Actis Alesina
2011-12 – Loris Actis Alesina
2012-13 – Armando Marello
2013-14 – Roberto Germanetti
2014-15 – Mario Fatibene
2015-16 – Rosanna Canuto
2016-17 – Livia Scuncio
2017-18 – Giovanni Micca

 Presidente Incoming:  2018-19 – Luigina Delmastro
 Presidente Eletto:  2019-20 – Giulio Bianchini


ONORIFICENZA 50° ROTARY INTERNATIONAL

STORIA_clip_image002

STORIA_clip_image002_0000

TORNA ALL’INDICE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, scorrendo la pagina o continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, scorrendo la pagina o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi